Vi siete mai chiesti cosa prova una ragazza o anche solo una bimba ad essere violentata?

Devo essere sincera, io prima di oggi non ho mai dato una risposta netta a questa domanda. Ho sempre risposto in maniera generica “dolore, sia fisico quanto morale” e così via, giudicando la violenza qualcosa di lontano da me e dalla mia realtà, qualcosa che io non avevo mai provato in vita mia.

Bene, mi sbagliavo. La violenza non è necessariamente l’atto di sfregio fisico nei confronti della persona, bensì tutto ciò che la ferisce nel cuore e che non le procura cicatrici sulla pelle quanto cicatrici di vita.

Se quindi dovessimo parlare di violenza verbale che affligge le mie coetanee, beh, la scuola è il centrocampo quotidiano, dove tutto si concentra.

Perché la scuola è il fulcro dell’immagine che uno studente vuole costruirsi intorno e voci su voci di sentito per sentito dire possono davvero rovinare la “reputazione” di un’alunna nel gruppo scuola.

Ma parlando del gruppo scuola si potrebbe confondere con il bullismo. Ed io invece vi dico di no. Perché secondo me il bullismo è unisex, poiché non bada a genere: può essere un maschietto contro un altro bambino, piuttosto di una femminuccia contro un bimbo maschio e così via.

Invece credo proprio che la violenza sulle donne inizi proprio dai ragazzi di oggi, da quelli che hanno sempre meno rispetto del sesso opposto e da quelli che si permettono di dare uno spintone di troppo per le scale al suono della campanella o di spargere false notizie sul proprio conto.

Sensibilizzare fin da quando si ha la capacità di volere e di intendere è la cosa migliore che, a mio avviso, si possa fare. Mettere in guardia le ragazze sui rischi che corrono fidandosi troppo dei ragazzi sbagliati. E avvisare questi ragazzi sbagliati dei disastri che causerebbero alzando anche solo un dito verso quelle ragazze che troppo di loro si sono fidate.

Quindi, dopo tutto questo, cosa prova una ragazza o una bimba ad essere violentata?

Cercate adesso voi di dare una risposta a questa domanda e ditemi, riuscite a rispondere?

Io proprio no. Perché è inimmaginabile che il mondo si congratuli con se stesso per il progresso quando invece pare evolversi tutto tranne il rispetto tra i sessi opposti. Assurdo.

Dal centro di controllo è tutto

Francesca

http://www.noidonne.net/wp-content/uploads/2016/11/15174528_10207739090011385_387934206_n.jpghttp://www.noidonne.net/wp-content/uploads/2016/11/15174528_10207739090011385_387934206_n-150x150.jpgFrancesca PalumboLe rubriche di NoiDonneTeen LifeCicatrici,cicatrici2,donne,violenzaVi siete mai chiesti cosa prova una ragazza o anche solo una bimba ad essere violentata? Devo essere sincera, io prima di oggi non ho mai dato una risposta netta a questa domanda. Ho sempre risposto in maniera generica 'dolore, sia fisico quanto morale' e così via, giudicando la violenza...