adozioneScrivere per un giornale femminile vuol dire affrontare tematiche giuridiche che caratterizzano a pieno il nostro essere donne, professioniste, madri, mogli.

A tal proposito: cosa c’è di più femminile della gravidanza?

Ma ci sono vari modi per diventare mamme oltre a quello naturale. Si diventa genitori (compiendo ovviamente una scelta di coppia) “di diritto” invece a seguito di adozione.

La prima legge organica per l’Italia fu la L.184/83 (diritto del minore ad una famiglia) che ebbe a disciplinare, tra gli altri, sia l’affidamento temporaneo dei minori (bambini allontanati per varie ragioni dalle famiglie d’origine) sia l’adozione in senso stretto (minori abbandonati).

La legge prevede rigidi requisiti per coloro i quali siano intenzionati ad intraprendere il percorso dell’adozione (adottanti): tra i tanti, gli adottanti devono essere sposati da almeno tre anni oltre a possedere precisi parametri relativi all’età. L’iter appare complesso e lungo, tanto da scoraggiare spesso i coniugi che in alcun casi desistono dalle loro intenzioni.

Ma come funziona? Si presenta una domanda presso il Tribunale dei Minori competente per residenza dei coniugi (preferibilmente), dopo di che si avvia una lunga fase di indagine sia giudiziaria (con acquisizione di informazioni da parte delle autorità giudiziarie) sia psicologica con la sottoposizione dei coniugi ad una serie di colloqui con psicologi, assistenti sociali, visite domiciliari degli assistenti sociali (per verificare l’idoneità della casa alla crescita ed alle esigenze dei minori); una volta sostenuti tali colloqui ed effettuate tali verifiche si viene convocati davanti al Tribunale per i Minorenni adito i cui Giudici dovranno emettere il cosiddetto DECRETO DI IDONEITÀ’….

Proprio da qui, fra quindici giorni inizierà la seconda parte della nostra avventura su genitorialità, adozione e legge italiana.

Avvocato Katia De Pascale

http://www.noidonne.net/wp-content/uploads/2017/04/adoption.jpghttp://www.noidonne.net/wp-content/uploads/2017/04/adoption-150x150.jpgKatia De PascaleLa Legge è DonnaLe rubriche di NoiDonneadozione,adozioni,affidamento familiare,affido,bimbi,coppia,genitorialità,Giurisprudenza,Infanzia,Italia,iter,Katia De Pascale,Legge,maternità,minoriScrivere per un giornale femminile vuol dire affrontare tematiche giuridiche che caratterizzano a pieno il nostro essere donne, professioniste, madri, mogli. A tal proposito: cosa c’è di più femminile della gravidanza? Ma ci sono vari modi per diventare mamme oltre a quello naturale. Si diventa genitori (compiendo ovviamente una scelta di...