biciSono cresciuta da sempre a Bari e se mi chiedete qualcosa su San Nicola, sul quartiere Murattiano o sulla Cattedrale so darvi parecchie informazioni.

Eppure vivo a Manduria da ormai quattro anni e di questa città e della sua antichissima storia non so praticamente nulla. Sì: la “storia” delle “tombe“, dei Messapi in lotta con Taranto, la forma particolare della “trozzella“, ma poco più. Giro miope per questa città che è letteralmente un museo a cielo aperto senza rendermi conto di quello che ho davanti agli occhi, anzi colpevole a volte di pensare “questo pezzo di muro antico non mi fa parcheggiar bene!”

Così, per una domenica all’insegna del bel tempo e del relax, complice un marito che mi segue nelle mie avventure, mi sono convinta con piacere a partecipare alla seconda tappa del ciclo-tour itinerante “ArcheOlio“, organizzato dalla cooperativa “Spirito Salentino”, che faceva tappa proprio a Manduria.

Non vi starò qui a dire la bellezza di poter passeggiare in bici in una domenica pomeriggio soleggiata e di scoprire come le mura siano davvero immerse nelle nostre strade quotidiane e non vi dirò neppure delle sensazioni di poter ammirare la necropoli del Parco Archeologico al tramonto o quella di poter camminare all’interno di enormi fossati difensivi: queste emozioni vi consiglio di viverle in prima persona e non solo come racconti di altri.

Quel che voglio invece raccontarvi è la passione delle guide turistiche che abbiamo incontrato ieri: parlavano davvero emozionate e non solo per la presenza di noi ciclo-turisti. Erano emozionate nel cercare di mostrare e spiegare a noi cittadini la bellezza che abbiamo per le mani, la ricchezza archeologica che possediamo del tutto immeritatamente. La loro passione e tenacia mi dà speranza.

Non proprio come la totale assenza delle Istituzioni: un must della nostra città. Il patrocino dell’evento c’è: loro mai. Quando un ente, una associazione, una cooperativa organizza qualcosa di bello, culturale e interessante non solo per i turisti ma anche per noi comuni mortali cittadini loro hanno la meravigliosa capacità di sparire. Non dico certo lo facciano di proposito: ci mancherebbe! Evidentemente ieri le bici di assessori, dirigenti e sindaco in testa erano sgonfie. Tutte contemporaneamente.

Ad ogni modo fino a quando ci sarete voi, care guide, e ci saremo noi, cari cittadini volenterosi, c’è ancora speranza!

Anche per questa città tanto bistrattata.

 

Valentina Palumbo

direttorenoidonne@noidonne.net

http://www.noidonne.net/wp-content/uploads/2017/06/19030445_1481473851910900_4627346416134747030_n.jpghttp://www.noidonne.net/wp-content/uploads/2017/06/19030445_1481473851910900_4627346416134747030_n-150x150.jpgValentina PalumboCultura & societàEditorialiArcheolio,archeologia,bici,ciclo-turismo,cultura,eventi,Manduria,Puglia,Spirito Salentino,turismoSono cresciuta da sempre a Bari e se mi chiedete qualcosa su San Nicola, sul quartiere Murattiano o sulla Cattedrale so darvi parecchie informazioni. Eppure vivo a Manduria da ormai quattro anni e di questa città e della sua antichissima storia non so praticamente nulla. Sì: la 'storia' delle 'tombe',...